Da una vita evangelica parole nuove

24 gennaio 2021: Domenica della Parola Anche la Chiesa è stata colta di sorpresa. Lì per lì la pandemia ha prodotto spaesamento e una sorta di paralisi operativa. Il fatto è che il cristianesimo senza il “corpo” e senza la “relazione” viene privato della materia prima del suo essere e del suo agire. In un terremoto o in una alluvione la Chiesa sa che deve occuparsi di urgenze concrete e che deve mantenere alta la speranza attraverso il rito, ma di fronte all’insidia nascosta del Covid sembra arretrare in una attesa inoperosa. Priva del rito e della prossimità, alla Chiesa sono rimaste le parole. Ci si è chiesto se sia stata capace di pronunciarne di autorevoli, illuminanti, consolatrici. Ha colpito la preghiera di papa Francesco in quella piazza deserta sotto la pioggia. Furono parole dette a Dio e dette all’umanità; parole amplificate da una copertura mediatica pressoché planetaria e capaci di unificare credenti e non credenti, religioni e genti di tutto il mondo. Ma non sono state meno importanti le parole “domestiche”, più semplici, ma cariche di affettività di tanti fratelli: la comunicazione di esperienze, la comunione tra famiglie – bambini compresi – e i collegamenti virtuali sempre più disinvolti. È accaduto alla comunità cristiana come al popolo di Dio durante la cattività e l’esilio: l’antico Israele ha innalzato l’edificio della Sacra Scrittura e modellato le forme del suo culto domestico, cosciente che in ogni esodo è Dio stesso a seguire fedelmente la sua gente, là dove è costretta ad...

Leggi tutto

Il buio arretra quando arriva la luce

Pasqua 2021 È notte. Nicodemo – secondo il racconto dell’evangelista Giovanni – va furtivamente ad incontrare Gesù. È evidente: il buio[...]

Vele spiegate al soffio dello Spirito

Pensieri di inizio primavera, quando dischiudono le gemme e vien voglia di uscire e progettare... A che punto siamo del[...]

«Peggio di questa crisi c’è solo il dramma di sprecarla»

Vivere e non subire questo tempo Ci siamo speditamente inoltrati nel nuovo anno. È ormai ora di voltare pagina sul calendario[...]

Da una vita evangelica parole nuove

24 gennaio 2021: Domenica della Parola Anche la Chiesa è stata colta di sorpresa. Lì per lì la pandemia ha prodotto[...]

“Salvare il Natale”

Celebrare la Natività nei giorni di pandemia Si aspetta Natale: un segno rosso sull’agenda dell’amministratore e nel calendario di casa, uno[...]

Ci viene tolto molto, ma non tutto: l’essenziale è intatto

Chi può prevedere quanto accadrà? Come arriveremo a Natale? Mentre scrivo suona l’allarme per il ritorno dell’epidemia. Alla tv continuano[...]

Maestri, perché sempre discepoli

Riflessioni in margine alla “Tre Giorni”del Clero Si è appena conclusa la “Tre giorni” di studio, fraternità e convivialità dei nostri[...]

Si riparte!

Essere speranza in un mondo ferito «Sarà mai come prima?». È una domanda che ci rende pensosi con l’epidemia che ha[...]

«Così io mando voi...»

Tutti discepoli in missione «Alle prime luci dell’alba...»: l’invito è di restare con mente, cuore e volontà nell’avvenimento pasquale. Ne abbiamo[...]

Osare la speranza

FASE 2: Tempo di ascolto, di condivisione e di proposte educative Sono pienamente d’accordo. La fase 2 è più rischiosa della[...]

«Polvere e cenere» ma amati perdutamente da Dio

Papa Francesco avanza solo. Silenzio. In quella piazza milioni e milioni di persone attonite: non le vedi, ma le percepisci.[...]

L’aurora pasquale e le nuove sfide

Fenomeni emergenti: la frontiera della missione oggi in terra di Montefeltro. «Molte sono le idee nella mente dell’uomo, ma solo[...]